MUSEO CIVICO DI BELLUNO

http://daticultura.regione.veneto.it/data/veneto/cbcv/museum/6242 <http://daticultura.regione.veneto.it/onto/veneto/cbcv/Museo>

SI - IN PARTE 

The Museum was established in 1872, thanks to the donation of the important collection of paintings on wood and canvas, from Doctor Antonio Giampiccoli. This first nucleus was later joined by the collections of bronzes, medals, plaques, seals, coins, manus and books of local interest own by count Florio Miari. The exhibition was housed in the Palace of the College of Jurists, built in 1664, still the seat of the Museum. The ground floor is occupied by the archaeological section which documents the long history of Valbelluna from the Middle Paleolithic to the Middle Age. The Lapidary is hosted nearby in the lobby of the Auditorium entrance, in the same Piazza Duomo.

At the first and second floor of the Museum, is located the collection of paintings dating from the 14th to the 19th century, most of them by local artists. Other rooms are dedicated to wooden sculpture, to the collection of small plates and small bronzes, to the paintings of votive offerings, to the decorative arts collections. 

Image gallery

 

Il Museo Civico di Belluno venne istituito nel 1872, grazie alla donazione alla città dell'importante raccolta di dipinti, su tavola e su tela, del medico bellunese Antonio Giampiccoli. A essa si aggiunsero ben presto le collezioni di bronzi, medaglie, placchette, monete, sigilli, manoscritti e libri di interesse locale del conte Florio Miari. All’esposizione fu destinato il palazzo del Collegio dei Giuristi edificato nel 1664 e ancora oggi sede del Museo. La civica raccolta venne aperta al pubblico nel 1876 con un allestimento curato dal regio ispettore provinciale ai monumenti e scavi Osvaldo Monti. La disposizione attuale vede il pianterreno occupato dalla sezione archeologica che documenta la lunga storia della Valbelluna dal Paleolitico medio al medioevo. Il Lapidario con importanti monumenti e iscrizioni che documentano la storia di Belluno in età romana è ospitato nell’androne d’ingresso dell’Auditorium sempre in piazza Duomo.

Al primo e secondo piano, si snoda la pinacoteca con dipinti databili dal XIV al XIX secolo che provengono per lo più dall'area veneta. Altre sale sono dedicate alla scultura lignea - arte che proprio nel bellunese Andrea Brustolon trovò uno tra i suoi migliori interpreti - alla collezione di placchette e piccoli bronzi, ai dipinti ex voto e ad affascinanti e inusuali collezioni di arti decorative tra cui si segnalano, per completezza e ricchezza, quella dei gioielli bellunesi e quella delle porcellane.

Galleria immagini

 
6242 
MUSEO CIVICO DI BELLUNO 
MUSEO CIVICO DI BELLUNO 

data from the linked data cloud